E ora parliamo di... Alexandre Desplat

E ora parliamo di… Alexandre Desplat

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
Il perfetto connubio fra musica e immagine
Quando Alberto Barbera ha annunciato che Alexandre Desplat sarebbe stato il Presidente di Giuria della 71ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia c’è stata sorpresa e meraviglia, ma mai, neanche …

La ragazza con l'orecchino di perla (2003)

La ragazza con l’orecchino di perla (2003)

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
Sinfonia di una creazione
Delft, 1665. Labbra rosse, turgide. Pelle di porcellana. Colori vibranti, puri. Lei è Griet – qui interpretata da Scarlett Johansson -, la ragazza con l’orecchino di perla al servizio della famiglia Vermeer, musa …

Tutti i battiti del mio cuore (2005)

Tutti i battiti del mio cuore (2005)

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
Puntare al cuore
In una Parigi notturna e spettrale il trentenne Thomas, orfano di madre, vive di piccoli affari sporchi per conto del padre, invischiato illegalmente nel ramo delle compravendite immobiliari. L’incontro con un maestro di pianoforte …

Fantastic Mr. Fox (2009)

Fantastic Mr. Fox (2009)

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
“Alla fine è solo un ratto morto in un bidone della spazzatura dietro un ristorante cinese”
Tra le cifre stilistiche di Wes Anderson possiamo elencare l’attenzione maniacale per la geometria dell’inquadratura, per la fotografia, la recitazione minimale …

L'uomo nell'ombra (2010)

L’uomo nell’ombra (2010)

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
Scomodi segreti
L’individuo è braccato dal suo destino, è solo, ma allo stesso tempo è circondato da persone che lo seguono, lo osservano, lo manipolano annientando la sua singolarità: una costante nella filmografia di Polanski che anche …

Il discorso del re (2010)

Il discorso del re (2010)

SPECIALE ALEXANDRE DESPLAT
Dategli un violino e suonerà il mondo
Che Alexandre Desplat sia un maestro nella composizione per archi – che tra l’altro è anche la sua specializzazione professionale, affinata assieme alla consorte che ricopre il ruolo di direttrice …

Ultimi articoli
Politica e serie televisive

Politica e serie televisive

Da anni si sostiene, a ragione, che le serie televisive si sono rivelate il prodotto narrativo più adatto per ospitare il dibattito politico e il confronto ideologico in America. Il post-11 settembre, grazie tanto alla qualità di scrittura quanto alla rapidità di esecuzione, ha avuto una grande “letteratura audiovisiva” grazie a 24, Brothers and Sisters, Lost, Rescue Me, Damages e decine di altre serie Tv.

Dragon Trainer 2

Dragon Trainer 2

Piccoli uomini crescono
Come il seminale Avatar, il primo Dragon Trainer si ricorda sia per uno dei 3D migliori visti sullo schermo, sia per l’intensità del rapporto quasi simbiotico uomo-natura, posto come orizzonte evolutivo della nostra specie.

Cattivi vicini

Cattivi vicini

Quando eravamo giovani
È curioso notare come in determinati prodotti vi siano elementi di richiamo che riconducono ad un’istanza autoriale anche quando lo stesso autore non presenzia in alcun modo nei credits. Non si spiegherebbe, altrimenti, l’immediato riferimento a Judd Apatow che critica e spettatori appassionati fanno nel momento in cui si approcciano a Cattivi vicini.

Liberaci dal male

Liberaci dal male

Tutti insieme demonicamente
Prendere generi diversi – horror e poliziesco – e farne una commistione: Liberaci dal male li lascia scontrare vicendevolmente ma con lo scopo, sotto sotto, di farli convergere. Il conflitto tra ragione e misticismo, il poliziotto Jimmy e il prete Mendoza, è solo la facciata fintamente elaborata di un modo d’interpretare i fatti in maniera razionale o religiosa.

Explorers (1985)

Explorers (1985)

23 AGOSTO – OMAGGIO A RIVER PHOENIX
Cabaret galattico
Era il 1985. L’esordio cinematografico di River Phoenix ed Ethan Hawke avvenne tra le stelle, grazie al rocambolesco viaggio spaziale architettato da Joe Dante sulla navetta Thunder road. Le teen-comedy declinate in chiave fantasy, rivitalizzate oggi da film nostalgici come Super 8 o più smaccatamente hi-tech come Chronicle, sono divenute col tempo sottogenere di culto e serbatoi da cui attingere un intero immaginario favolistico per le generazioni a venire.

Vivere in fuga (1988)

Vivere in fuga (1988)

23 AGOSTO – OMAGGIO A RIVER PHOENIX
Eredità ribelle
Se non fossero ricercati, i Pope sarebbero la famiglia perfetta. Arthur ed Annie si amano ancora come il primo giorno e lo stesso affetto riservano ai figli, debitamente ricambiati. Ma sedici anni prima hanno fatto esplodere un laboratorio di napalm per sabotare la guerra nel Vietnam e un guardiano ci ha quasi perso la vita. Vivere in Fuga è allora l’unico modo per sfuggire alla condanna, sottoponendosi a quella, forse altrettanto dura, dei continui cambi di identità.

Un americano a Parigi (1951)

Un americano a Parigi (1951)

23 AGOSTO – OMAGGIO A GENE KELLY
La finzione svelata
Come accade in molti musical, anche in Un americano a Parigi la regia e i numeri ballati e cantati “denunciano” volutamente e continuamente la natura fittizia dell’opera. Tutto ciò non lo dimostra solo l’ultima sfarzosa, complessa e, in certi momenti, palesemente teatrale coreografia – che con i suoi diciassette minuti di durata risulta quasi un film dentro il film -, ma anche la meno spettacolare prima parte.

Cantando sotto la pioggia (1952)

Cantando sotto la pioggia (1952)

23 AGOSTO – OMAGGIO A GENE KELLY
Si aprono le porte del mito
Molte escursioni lungo la storia del cinema fanno inevitabilmente tappa ad analizzare Singin’ in the Rain, diretto nel 1952 dalla coppia Stanley Donen e Gene Kelly.