Animal House (1978)

Animal House (1978)

SPECIALE JOHN BELUSHI. 0,0 in condotta - All’origine del filone sboccato del college movie e manifesto generazionale della comicità statunitense, Animal House è il folgorante esordio del “moto perpetuo” John Belushi, prima della sua esplosione con The Blues Brothers e dopo i fasti satirici del Saturday Night Live.
Verso il sud (1978)

Verso il sud (1978)

SPECIALE JOHN BELUSHI. Schermaglie di frontiera - Nello stesso anno di Animal House, John Belushi ha esordito sul grande schermo con un paio di parti secondarie. Una di queste è nel western in cadenze di commedia sentimentale Verso il sud, seconda fatica da...
1941 - Allarme a Hollywood (1979)

1941 – Allarme a Hollywood (1979)

SPECIALE JOHN BELUSHI. Sorvolando il Canyon con sigaro e Coca cola - Accade di ricordarsi la carriera di un regista come solo un lungo percorso rettilineo in ascesa, in particolare se questo è divenuto nel tempo quasi un'istituzione e garanzia sia economica che qualitativa, come Spielberg.
The Blues Brothers (1980)

The Blues Brothers (1980)

SPECIALE JOHN BELUSHI. Io li odio, i nazisti dell’Illinois - Le ciabattine rosa ai piedi di Aretha Franklin. I bicchieri spaiati di Cab Calloway. I banchi striminziti della Pinguina. La Pinguina medesima, che si sposta radente il suolo, le porte che si spalancano davanti a lei e ai suoi ospiti sospinte...
I vicini di casa (1981)

I vicini di casa (1981)

SPECIALE JOHN BELUSHI. Testamenti mancati - Fortunatamente, I vicini di casa non è passato alla Storia del Cinema come il testamento di John Belushi. L'ultima prova da attore del talentuoso comedian statunitense di origine albanese è un film fiacco, sbilenco, privo di qualunque mordente.
Ultimi articoli
Il suono sotto la pelle

Il suono sotto la pelle

Lo score di Under the Skin, firmato da Mica Levi (classe 1987), è uno dei casi musicali del 2014, perché sembra mettere d’accordo mainstream (premio come miglior compositrice agli European Film Awards) e underground.

Still Alice

Still Alice

L’arte di perdere
“Perdi qualcosa ogni giorno. Accetta il turbamento delle chiavi perdute, dell’ora sprecata. L’arte di perdere non è difficile da imparare. Poi pratica lo smarrimento sempre più, perdi in fretta”.

John Wick

John Wick

Altrimenti ci arrabbiamo
Ci sono dei film action, per buona parte asiatici o ispirati al cinema del Sol Levante, che scommettono tutto sull’azione e sulle coreografie degli scontri, così belli che perdoniamo di buon grado le trame schematiche e i personaggi bidimensionali. Qualche esempio sparso: The Raid, Snowpiercer e Pacific Rim.

Piccoli così

Piccoli così

Le intermittenze della vita
Partendo da un’esperienza personale, la nascita della figlia Rita, il regista Angelo Marotta entra nei reparti ospedalieri dove vengono curati e accuditi i nati prematuri: bambini venuti al mondo prima o a cavallo della 37esima settimana di gestazione.

Il nome del figlio

Il nome del figlio

Mai spezzare il ritmo
Tratta dalla pièce teatrale francese Le prénom e dal suo adattamento cinematografico Cena tra amici, Il nome del figlio è una “commedia da camera” che vede al centro un gruppo di amici che una sera si riunisce per cena.

Difret - Il coraggio per cambiare

Difret – Il coraggio per cambiare

La lunga strada per l’uguaglianza
Film importante e appassionante, concreto e realistico, l’etiope Difret, non tanto e non solo perché rappresentativo di quel cinema africano di solito pochissimo distribuito nelle nostre sale, ma anche per le tematiche che affronta, con rigore e senza eccessive spettacolarizzazioni.

Gli amatori

Gli amatori

Fiaba dei sentimenti e dell’arte
Il belga Brecht Evens con Gli amatori, edito dalla Bao Publishing, ha realizzato un’opera dal grande fascino visivo e artistico, che trae la sua forza soprattutto dalla qualità del disegno e dai continui riferimenti al mondo della pittura.

Viaggio al nord

Viaggio al nord

DVD – USA/ISLANDA 2014
Cartoline dall’Islanda
Ci sono film che traggono notevole forza dagli ambienti nei quali sono girati, giocando con fascinazioni paesaggistiche e atmosfere coinvolgenti. Ma questa può risultare un’operazione non semplice, dal momento che la suggestione dei luoghi non sempre basta a se stessa e necessita comunque di una solida struttura su cui poggiarsi, al fine di arricchire una pellicola.